Ultima modifica: 1 dicembre 2018

Contrasto al bullismo e al cyberbullismo

BULLISMO E CYBERBULLISMO

“Con l’evolversi delle tecnologie, l’espansione della comunicazione elettronica e online e la sua diffusione tra i pre-adolescenti e gli adolescenti, il bullismo ha assunto le forme subdole e pericolose del cyberbullismo […]. I bulli, infatti, continuano a commettere atti di violenza fisica e/o psicologica nelle scuole e non solo. Le loro imprese diventano sempre piu aggressive ed inoltre la facilità di accesso a pc, smartphone, tablet consente ai cyberbulli anche di potere agire in anonimato. […] Gli atti di bullismo e di cyberbullismo si configurano sempre più come l’espressione della scarsa tolleranza e della non accettazione verso chi è diverso per etnia, per religione, per caratteristiche psico-fisiche, per genere, per identità di genere, per orientamento sessuale e per particolari realtà familiari: vittime del bullismo sono sempre più spesso, infatti, adolescenti su cui gravano stereotipi che scaturiscono da pregiudizi discriminatori. E’ nella disinformazione e nel pregiudizio che si annidano fenomeni di devianza giovanile che possono scaturire in violenza generica o in più strutturate azioni di bullismo. ”

(Linee di orientamento per azioni di prevenzione e di contrasto al bullismo e al cyberbullismo –  MIUR , aprile 2015)

 

“[…] per “cyberbullismo”si intende qualunque forma di pressione, aggressione, molestia, ricatto, ingiuria, denigrazione, diffamazione, furto d’identità, alterazione, acquisizione illecita, manipolazione, trattamento illecito dei dati personali in danno di minorenni, nonché la diffusione di contenuti online il cui scopo intenzionale e predominante sia quello di isolare un minore o un gruppo di minori ponendo in atto un serio abuso, un attacco dannoso, o la loro messa in ridicolo».

(LEGGE NAZIONALE N.71 DEL 29/05/17)

 

LA SCUOLA E IL LICEO “G. PARINI”

Se  con l’uso improprio delle tecnologie  il bullismo ha assunto forme più subdole che si concretizzano in atti di aggressione meno palesi, ma comunque pericolosi, allora, affinché l’azione di prevenzione  risulti efficace, è fondamentale coinvolgere  tutta la comunità educativa – genitori, insegnanti, collaboratori scolastici, dirigenti –  e promuovere sinergie tra le istituzioni in modo da accrescere la consapevolezza delle insidie del mondo digitale e rafforzare il senso della legalità.    

La nostra scuola, il Liceo “G.Parini”, da sempre attenta al benessere psico-fisico degli studenti e alle tematiche del bullismo e del cyberbullismo, ha promosso e promuove interventi e iniziative di formazione e sensibilizzazione attraverso attività che coinvolgono la comunità scolastica ed Enti operanti sul territorio.

 

Progetti e Incontri già realizzati

Progetti e Incontri da realizzarsi

 

NORMATIVA DI RIFERIMENTO

Legge Nazionale 29 maggio 2017, n.71 – Disposizioni a tutela dei minori per la prevenzione e il contrasto del fenomeno del cyberbullismo  – “ si pone l’obiettivo di contrastare il fenomeno del cyberbullismo in tutte le sue manifestazioni, con azioni di carattere preventivo e con una strategia di attenzione, tutela ed educazione nei confronti dei minori coinvolti […]”

Consulta il testo della legge

 

Legge Regionale 7 febbraio 2017, n. 1  – Disciplina degli interventi regionali in materia di prevenzione e contrasto al fenomeno del bullismo e del cyberbullismodella Regione Lombardia – “affida a Regione il compito di promuovere e sostenere interventi volti a prevenire e contrastare il fenomeno del bullismo e del cyberbullismo in tutte le sue manifestazioni”

Consulta il testo della legge

 

PRINCIPALI SITI DI RIFERIMENTO

 

Generazioni connesse – Safer Internet Centre

 

Il Progetto “Generazioni Connesse” (SIC ITALY III), coordinato dal MIUR e co-finanziato dalla Commissione Europea nell’ambito del programma “Connecting Europe Facility” (CEF), promuove strategie finalizzate a rendere Internet un luogo più sicuro per gli utenti più giovani, promuovendone un uso positivo e consapevole .

www.generazioniconnesse.it

 

Cuoreparole

 

L’Associazione Cuoreparole si occupa del disagio giovanile e promuove attività di   prevenzione e contrasto ai fenomeni di bullismo e cyberbullismo.

 

www.cuoreparole.org

 

Rete Ali per l’infanzia e l’adolescenza

 

La rete delle scuole Ali per l’infanzia e l’adolescenza opera  nella provincia di Monza e Brianza. Il sito si occupa delle problematiche di bullismo, cyberbullismo,  di abusi sessali e di maltrattamenti nei confronti dei minori.

 

aliperlinfanziaeladolescenza.it

 

 

 CoReCom    (Comitato Regionale per le Comunicazioni)

 

Promuove diverse attività, in particolare si occupa di web reputation e sicurezza in rete, anche in collaborazione con l’Ufficio Scolastico Regionale.

 

www.corecomlombardia.it

 

 

Polizia Postale e delle Comunicazioni (Polizia di Stato)

 

www.commissariatodips.it

 

 

Polizia di Stato

 

www.poliziadistato.it